Calice di vino servito alla giusta temperatura

Qual è la giusta temperatura di servizio del vino

La degustazione del vino risente molto della temperatura a cui è servito.

In linea generale, sappiamo che la temperatura ottimale per il vino bianco è più bassa rispetto a quella del vino rosso.

Ma la classificazione dei vini è decisamente più ricca di sfaccettature e le temperature di servizio variano molto in base alla tipologia di vino che ci apprestiamo a servire. 

Oltre al “bianco” e al “rosso” abbiamo:

  • i rosati;
  • i vini moscati;
  • il prosecco;
  • lo spumante;
  • lo champagne.

Ogni vino deve essere servito alla giusta temperatura per gustarne a pieno il bouquet e le qualità organolettiche.

Ma cosa significa temperatura “giusta” e come fare a capirla?

 

A ogni vino la sua temperatura di servizio

La degustazione del vino è un’arte che richiede pazienza e gli strumenti corretti: dal giusto abbinamento con il cibo, fino alla scelta del miglior bicchiere e alla giusta conservazione delle bottiglie in casa. 

Partiamo da un presupposto importante: una temperatura di servizio troppo bassa rischia di rendere il gusto del vino più duro penalizzandone i profumi. Al contrario, una temperatura troppo alta rischia di alterarne il sapore. 

Invece, un vino servito alla temperatura ottimale consente di gustarne al meglio la morbidezza e sentirne i profumi.

Il vino dovrebbe sempre essere portato gradatamente alla sua temperatura ottimale, quindi mai mettere il vino in freezer e prediligere invece l’immersione delle bottiglie in secchielli con il ghiaccio, per evitare bruschi cambiamenti.

In questo modo le proprietà organolettiche e il gusto non risulteranno danneggiati.

Scopriamo insieme quali sono le temperature ottimali a cui gustare i vari tipi di vino.

 

I vini rossi

La temperatura ottimale del vino rosso è tendenzialmente quella ambiente. Questa regola non vale nel periodo estivo in cui si possono raggiungere anche i 30°. Il vino rosso dovrebbe essere gustato a una temperatura non superiore ai 20°: in questo modo è possibile arrivare a gustare in pieno le sue qualità e il suo bouquet di profumi.

I vini rossi molto corposi e invecchiati dovrebbero essere serviti alla temperatura di 20° mentre i novelli a 12°. Quindi, maggiore è la corposità e l’invecchiamento del vino maggiore sarà la temperatura di servizio.

Il vino rosso servito freddo è accettabile solo nei periodi estivi in cui le temperature sono molto elevate.

 

I vini bianchi

La temperatura di servizio del vino bianco è sempre inferiore a quella del vino rosso. La temperatura del vino bianco varia tra i 6° e i 14°, la grande oscillazione deriva dalle numerose varietà.

I vini bianchi frizzanti o gli spumanti hanno temperature di servizio tra i 6° e gli 8°. A tali temperature l’anidride carbonica viene rilasciata più lentamente consentendo di gustare a pieno il perlage del vino.

Per i vini bianchi o rosati dal gusto zuccherino la temperatura di servizio è di 12°.

Come per i vini rossi, maggiore è la corposità e l’invecchiamento del vino e maggiore è la temperatura di servizio del vino bianco. Un vino bianco importante e maturo dovrà essere servito a una temperatura tra i 12 e i 14°.

 

Vini passiti o liquorosi

La temperatura dei vini passiti o liquorosi dovrebbe sempre oscillare tra quella dei vini bianchi e rossi. I vini passiti vanno serviti a una temperatura compresa tra gli 8° e i 18°. Maggiore è la liquorosità del vino maggiore è la temperatura di servizio.

 

La giusta temperatura

Come si fa a verificare che la temperatura sia quella giusta? 

I sommelier utilizzano termometri specifici per controllare la temperatura di servizio dei vini. 

La giusta temperatura è essenziale per la corretta valutazione del vino. In conclusione ci teniamo poi a sottolineare di nuovo che i vini non devono mai essere portati a temperatura in modo repentino, perché questo ne causerebbe l’alterazione delle caratteristiche. Quindi no al freezer o ad altri metodi di raffreddamento o riscaldamento rapidi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *