Dolce della Tradizione

Dolce della Tradizione

Vino dolce naturale, rifermentato spontaneamente in bottiglia

  • Uvaggio: 100% garganega

  • Formato bottiglie: 0,75lt

★★★★
29,00

Risparmi il
Numero Bottiglie (anche se assortite)
3%
Da 12 a 17 bottiglie anche se assortite
5%
Da 18 a 23 bottiglie anche se assortite
7%
Da 24 a 29 bottiglie anche se assortite
10%
Da 30 bottiglie in su anche se assortite

Descrizione

Interpretazione vivace di vino dolce, proveniente dalle uve vendemmiate tra fine agosto ed inizio settembre e poste ad appassire per circa 6 mesi all’interno di un’antica torre del 1700 ben arieggiata con il sistema vicentino del “picaio”. Dopo l’imbottigliamento intraprende una breve rifermentazione che lo rende mosso, frizzante o spumante a seconda dell’annata. Dolce della Tradizione unisce il suo intenso colore dorato e i ricchi aromi di miele, frutta candita, pesca matura, fiori essiccati, erbe aromatiche e mandorla tostata con un boccato intenso, equilibrato e piacevole, reso dinamico e allegro dalla bollicina presente in bottiglia. Si presta ad abbinamenti che spaziano da formaggi a medio-lunga stagionatura a dolci, biscotteria secca e creme.

Prima annata prodotta

2001

Terreni

Collinari di origine vulcanica a Gambellara

Età media dei vigneti

Circa 60 anni (impianti del 1935 fino ai più recenti del 1985)

Estensione dei vigneti

5,5 Ha

Resa

60/90 q.li/Ha

Bottiglie prodotte in questa annata

Circa 2000

Vendemmia

Uva raccolta a mano in cassetta a inizio settembre. Le uve vengono appese manualmente alle travi con il sistema vicentino chiamato picaio, nei locali di un’antica torre del 1700 ben arieggiata per un periodo di circa 6 mesi.


Vinificazione

Dopo l’appassimento le uve vengono caricate intere in pressa, pressate ad una forza massima di 2 bar continuativa per 8 ore. Il mosto ottenuto (con una resa di circa il 30% in peso), viene fatto fermentare con lieviti indigeni in contenitori di cemento. Dopo la prima fermentazione (che solitamente si arresta naturalmente attorno ai 12 gradi alcolici), viene imbottigliato non filtrato, ed in bottiglia inizia la seconda fermentazione che lo farà diventare vivace, frizzante o spumante, con giusto residuo zuccherino.

TAPPO

Tappo a corona in metallo riciclabile.


BOTTIGLIA EMILIANA IN VETRO LEGGERO

Bottiglia emiliana per vini sotto pressione; attualmente la bottiglia più leggera presente in mercato per questa tipologia di vini.


ETICHETTA

Etichetta in carta riciclata al 80%.

Unisciti al
Menti Wine Club

Un Club per intenditori di Vino Naturale, per persone che credono nell'integrità dei valori della natura e nella sua essenza.