Abbinamento vino e zucca: ecco tutte le regole

La zucca è un ortaggio autunnale dal sapore dolce e delicato che si presta a molte preparazioni e ricette, dolci e salate. 

Proprio a causa di questa versatilità, però, è difficile trovare il giusto vino da abbinare alla zucca. 

Questo alimento si può infatti utilizzare come base per risotti e preparazioni articolate, piatti molto semplici come le zuppe, contorni saporiti o torte dolci. 

Basta un accostamento sbagliato, insomma, per snaturare un piatto a base di zucca coprendone il gusto. 

Il suo sapore aromatico può essere esaltato mettendo in atto qualche piccolo accorgimento per valorizzarne la dolcezza. 

Vediamo, quindi, una piccola guida pensata per aiutarti a trovare il giusto abbinamento di vino per i tuoi piatti a base di zucca. 

 

Qualche regola per l’abbinamento di vino e zucca

La zucca ha delle caratteristiche particolari che la possono rendere protagonista di piatti molto diversi fra loro. 

Per capire come abbinare questo alimento, bisogna tenere in considerazione le sfumature di sapori del singolo piatto e individuare la bottiglia che meglio si presta a esaltare le caratteristiche di tutti gli ingredienti che ne fanno parte. 

In generale, per abbinare il vino alla zucca possiamo seguire due regole: abbinamento per contrasto o per similitudine

 

Abbinamento per similitudine 

Il primo criterio che possiamo seguire per abbinare il vino alla zucca è tenere in considerazione la sua caratteristica principale (la dolcezza) e scegliere vini che abbiano le stesse proprietà: buona aromaticità e concentrazione elevata di zuccheri. 

Questo è l’approccio più utilizzato per abbinamenti di dolci e dessert.

 

Abbinamento per contrasto 

La seconda regola che possiamo seguire è quella dell’abbinamento per contrasto. 

Per valorizzare ed enfatizzare la delicatezza della zucca, quindi, possiamo scegliere un vino dalle caratteristiche opposte: effervescente e dalla spiccata mineralità. 

Un vino bianco di questo tipo, con una buona struttura e persistenza, può contrastare la dolcezza del piatto a base di zucca. Ideale anche l’abbinamento con un vino frizzante o uno spumante dall’elevata freschezza.

Vino e zucca: abbinamenti dei piatti più diffusi 

Ecco qualche esempio concreto a partire dai piatti a base di zucca più diffusi nella penisola italiana: 

  • Risotto alla zucca: un piatto cremoso che richiede un vino in grado di sgrassare il palato senza appiattirne il gusto. Perfetto l’abbinamento per contrasto, soprattutto se il piatto richiede l’introduzione di altri ingredienti come noci e speck. Ideale, in questo caso, Monte del Cuca 2020: orange wine con macerazione che spazia tra i venticinque e i quarantacinque giorni sulle bucce e affinato in botti di legno di slavonia. Lo contraddistinguono sentori di frutta matura, note di miele e una leggera spezia che accompagnano un palato più intenso e pieno, senza far mancare le note minerali, tanniche e una buona acidità; 
  • Zuppa o vellutata di zucca: in questo piatto spicca la dolcezza di questo alimento, e per questo motivo sarebbe ideale degustarlo con un vino medio corpo, delicato, dalla buona persistenza gusto-olfattiva ma non troppo morbido. Così sarà possibile equilibrare e contrastare la tendenza molto dolce del piatto. Noi consigliamo un vino come il nostro Omomorto 2018,  uno spumante metodo classico da uva durella dalla grande fragranza, freschezza e acidità. Un vino brut con tiraggio di mosto di passito; 
  • Curry di zucca: Un secondo speziato, cremoso e versatile che ingolosisce sia nella versione con pollo che in quella vegetariana con i ceci. Noi consigliamo Riva Arsiglia 2018, un vino dai sentori di erbe aromatiche e speziati che richiamano soprattutto all’incenso, il timo e il rosmarino, ed un corpo morbido, fresco e minerale che apporta struttura a questo abbinamento più originale. 

 

La zucca è poi un ingrediente che si presta bene alla preparazione di dolci. In questo caso gli abbinamenti col vino vanno proposti per similitudine.

  • Crostata alla zucca: pasta frolla fragrante e crema di zucca, magari arricchita da cannella, noce moscata e miele. Un dessert goloso, leggero e autunnale a cui abbinare un passito come Dolce della Tradizione, che ne assecondi la dolcezza e la cremosità, con una punta di freschezza e una nota minerale a mettere il tutto in equilibrio;
  • Torta di zucca e noci: Un impasto soffice che mette insieme la dolcezza delicata della zucca con la croccantezza e aromaticità golosa delle noci tostate. Da abbinare ad Albina 2019 che richiama nell’aroma tutta la fragranza della frutta secca e passita, con un profilo che bilancia corpo, mineralità e dolcezza al sorso.  

La selezione di vini Menti, prodotti seguendo i principi dell’agricoltura biodinamica, potranno offrirti la soluzione perfetta per i tuoi abbinamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *